Sabato, 28 Novembre 2020
- - - - - -
A+ R A-

Giornata della memoria 2018

Giornata della memoria 2018

Il giorno 23 marzo, in relazione alle attività programmate per la Giornata della memoria, gli alunni delle classi quarte e quinte accompagnati dai docenti, parteciperanno alla presentazione dei lavori prodotti dai ragazzi relativi all’approfondimento della tematica in oggetto “I fascismi e l’Europa”.

L’incontro si terrà in Auditorium dalle 10.30 alle 13.30.

Giornata memoria 2018

Programma della giornata

Anime di luogo in luogo. L’angelo della storia. Da Boltanski a W. Benjamin (a cura di Lea de

Giorgio), IIIA Classico

Presenta S.Labate(IIIAC)

Il genocidio armeno a cura di Sofia Mirizzi, IIIAC

Ils sont tombés, Intervento musicale : N.Montrone tastiera(IIIAC), F.Delfine e R.Quarato clarinetto e flauto(3S), D. Mezzapesa batteria(IVBS), L.Intini violino(IIIAC), A.Spinelli danza(IIIAC), S.Ignazzi,voce (II BC)

Il fascismo e il nuovo ordine, (a cura di R.Rotolo)

S.Mezzapesa, G.Pinto, R.Ricci, A.Spinelli (IIIAC)

Intervista al fascismo, II AC

Il treno della memoria a cura di R. Rotolo, III AC

Weiße Rose(La rosa bianca), VBL

Elsa ou miroir, ispirato a L. Aragon, 5CL

El Valor de la sangre, ispirato a F. Garcia Lorca e alla guerra civile spagnola, VAL

Never More, cortometraggio che ha partecipato al concorso ”I giovani e la Shoah” realizzato dai ragazzi della VBS: D.Bianco,L.Castellana,D.Longo,A.Palattella,A.Sportelli,D.Singh,D.Pesce,

S.Magro,M.Masi,S.Lippolis. Presentazione di S.Magro

Indicibile, backstage musicale a cura di Maria Chiara Binetti (III AL), Matteo Florenzio (III CS), Andrea Lippolis, Antonella Loliva, Dario Napolitano (IV BS), Angela Netti (II BC).

Videomakers: Anna Gonnella, Marilù Mazzarisi, Alessia Pipoli (V CS).

Giornata della Memoria 2017: "Dalla prigionia alla storia"

Il giorno 16 marzo, in relazione alle attività programmate per la Giornata della Memoria, gli alunni delle classi quarte e quinte parteciperanno alla presentazione dei lavori prodotti dagli studenti (rappresentazioni teatrali ed esecuzioni musicali) relativi all’approfondimento della tematica “Dalla prigionia alla storia”: un percorso di riflessione sul tema della prigionia.
L’incontro si terrà in Auditorium dalle 10.30 alle 13.30.
Prigionia

Giornata della memoria 2016

«Terezín è stata, e lo è ancor di più, per me la scuola della forma.
Fino a quando noi non sentiamo il peso e l’impatto della vita materiale, perché tutto è gommificato dal comfort– questo magico risultato della civiltà – è facileconcepire delle forme artistiche di grande bellezza.
È qui, a Terezín, dove nella vita di tutti i giornidobbiamo vincere

la materia ricorrendo allapotenza della forma e dove tutto ciò che
ha un rapporto con le Muse contrastacosì straordinariamente

con quelloche ci circonda, che troviamola vera scuola dei maestri».
- Viktor Ullmann

                                                                    

Il giorno 24 novembre i ragazzi incontreranno il musicologo, Prof. Raffaele Pellegrino, curatore del libro “La musica a Terezin. 1941- 1945”, per approfondire il ruolo della musica e dell’arte nell’universo concentrazionario, con particolare attenzione al campo di concentramento di Terezin.

 Musica a Terezin

Come fu possibile comporre musica e suonarla in un campo di concentramento? In questo libro J. Karas racconta la lotta quotidiana per l’arte intrapresa, nei tempi più bui del nostro recente passato, da uomini che tentarono di salvaguardare la propria umanità.

 

Dopo Auschwitz, nessuna poesia, nessuna forma d’arte , nessuna affermazione creatrice è più possibile. Il rapporto delle cose non può stabilirsi che un terreno vago, in una specie di no man’s land filosofica” (T. Adorno)

Il giorno 3 febbraio, in relazione alle attività programmate per la Giornata della memoria, gli alunni del triennio accompagnati dai docenti, parteciperanno alla presentazione dei lavori prodotti dai ragazzi (rappresentazioni teatrali ed esecuzioni musicali) relativi all’approfondimento della tematica in oggetto “Musica e Shoah”.

L’incontro si terrà in Auditorium dalle 9.30 alle 12.30.

Dalle ore 8.30 alle ore 9.30, gruppi di classi saranno guidati dai ragazzi della VC per visionare il loro cortometraggio “Il gioco delle parti” realizzato per il concorso “I giovani e la Shoah” e i lavori prodotti dalla Va e Vb linguistico

I ragazzi direttamente coinvolti nelle attività saranno impegnati dalla prima ora.

Musica e Shoah

 

Programma della giornata

Dalle 9.30 alle 10.30: La musica tra propaganda e resistenza spirituale:

                                       La ninna nanna del Fhurer (IIIA classico)

                                       W.Szpilman: Il pianista (III A classico)

                                       Musica a Terezin (III A classico)

                                       E.Lewis: Il tempo di parlare (II A classico e VB scientifico)

                                       La ninna tragica dei bambini (III A classico)

Interventi musicali :

Notturno di Chopin (Roberta Rotolo IA Classico)

Interventi musicali:

Wiegala di Ilse Weber (Martina Lippolis e Daniele Mastrangelo II A Classico,Martina Calabritta, Attilio Magno, Giulia Angelini, IV B Linguistico)

Little star di Noa(Martina Lippolis e Domenico Polito VB scientifico)

Adagio di Schouloff (Nicola Montrone, IA Classico)

Esibizioni per il balletto Coppelia:

Lea De Giorgio(IA Classico), Campanella Vanessa e Salamida Aurora (III C linguistico)

Dalle 10.30 alle 11.30: Peter Pan a Terezin (VA scientifico)

Interventi musicali:

Wiegala Di Ilse Weber

 

Seconda parte

L’Inno alla gioia di Beethoven(IV B linguistico)

Lettura del fregio di Klimt(VBlinguistico)

Gam Gam, canto ebraico (chitarra Pasquale Losavio VC scientifico - Fabio Fraccalvieri e Aldo Brandonisio IV B scientifico - Mattia Genco IV C scientifico – Vito Margaritondo III C scientifico - coro………….

Love rescue me (U2) (chitarra Pasquale Losavio VC scientifico - Fabio Fraccalvieri e Aldo Brandonisio IV B scientifico - Mattia Genco IV C scientifico – Vito Margaritondo III C scientifico – solista Marco Mezzapesa 4 A linguistico).

Dalle ore 12.00 alle 12.30: Musica e catarsi: la tragedia del Titanic.

Introduzione di Marilù Mazzarisi (III C scientifico)

Intervento musicale:

Nearer, My God, to Thee, canto religioso (violoncello Alessia Pipoli – chitarra Vito Margaritondo e Claudia Maggipinto (III C scientifico)

Giornata della memoria 2017

Il giorno 6 Febbraio alle ore 11.30 i ragazzi delle quinte e della II A classico, IV A Scientifico e IV C scientifico assisteranno in Auditorium allo spettacolo:

GRAMSCI. Antonio detto Nino

Con Fabrizio Saccomanno – Ura Teatro

Gramsci

GRAMSCI. Uno spettacolo che racconta  frammenti di vita di uno degli uomini più preziosi del Novecento. Una vita però assolutamente privata: sullo sfondo, e solo sullo sfondo, il tormentoso rapporto con il PCI e l’internazionale socialista, le incomprensioni con Togliatti e Stalin. E l’ombra di Benito Mussolini. In primo piano invece la feroce sofferenza di un uomo che il fascismo vuole spezzare scientificamente, che vive una disperata solitudine, e in dieci anni di prigionia , giorno dopo giorno, si spegne nel dolore e nell’assenza delle persone che ama: la moglie Julka, i figli Delio e Giuliano. Il primo lo ha visto piccolissimo, il secondo non lo ha nemmeno mai conosciuto. Proprio le bellissime lettere ai suoi figli sono state il punto di partenza: tenerissime epistole a Delio e Giuliano ai  quali Gramsci scrive senza mai nominare il carcere e la sua condizione fisica e psichica , dando ilo meglio di sé come uomo, genitore e pedagogo. Ma accanto a queste, le lettere di un figlio devoto a una madre anziana che lo aspetta in Sardegna e non capisce. Le  lettere di un fratello. Di un marito. Il corpus delle lettere di Antonio Gramsci ai familiari è un capolavoro di umanità, etica, onestà spirituale e sofferenza, un romanzo nel romanzo ,che apre a pensieri, dubbi, misteri che raccontare in teatro è avventura sorprendente

GIORNATA CONCLUSIVA DEL 16 MARZO 2017 ==>

La questione israelo- palestinese: dibattito e confronto

 

israelo palestinese In un conflitto che continua da più di un secolo nessuno dei suoi protagonisti può rivendicare di essere sempre stato dalla parte della ragione. Tutti hanno avuto il tempo di recitare almeno una volta il ruolo di vittima e persecutore; ognuno di aver promosso una soluzione e di averla ostacolata; di aver ucciso civili o di averlo impedito. Ma una cosa è evidente : uno dei due attori della grande tragedia è l’occupante, l’altro l’occupato.Il giorno 15 Aprile alle ore 10.25 nella Biblioteca del Polo Liceale Majorana_Laterza i ragazzi delle quinte incontreranno il Prof. Nicola Neri, docente di Storia della guerra e di Diritto Internazionale presso l’Università di Bari  per approfondire e discutere la questione Israelo-palestinese.

Sede Amministrativa

Liceo "Majorana - Laterza"
Via Foggia La Rosa, 3
70017 Putignano

Recapiti telefonici

Telefono: 080 4911971

Codici Istituzionali

Codice Meccanografico:
BAPS36000G
Codice Fiscale:
91127730728
Codice Univoco Ufficio:
UFC79O
Codice IPA:
lmlat
IBAN:
IT78Q0760104000001043981438